Il Decalogo Marsh-Progea per affrontare il rischio clinico

//Il Decalogo Marsh-Progea per affrontare il rischio clinico

La guida dettagliata per le aziende sanitarie e socio-sanitarie che mirano a un sistema efficace per la gestione dei rischi.

In occasione della “Seconda Giornata Nazionale per la Sicurezza delle Cure e della persona assistita”, Progea e Marsh – leader globale nell’intermediazione assicurativa e nella consulenza sui rischi- hanno unito tutto il loro know-how per realizzare il Decalogo per il Risk Management:  una guida dettagliata per le aziende sanitarie e socio-sanitarie, pensata per supportarle nell’implementazione e nel consolidamento di un sistema efficace per la gestione dei rischi.


IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

In un contesto sanitario in continua evoluzione, in cui è sempre più necessario offrire un’assistenza di alta qualità in condizioni di massima sicurezza, la valutazione e il controllo dell’effettiva sicurezza dei pazienti all’interno delle strutture sanitarie assumono infatti notevole importanza.

La gestione del rischio clinico rappresenta l’insieme delle azioni messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e garantire la sicurezza del paziente.

La pandemia di COVID-19 ha inoltre evidenziato la necessità di promuovere nel Sistema Sanitario Nazionale una cultura positiva del rischio sanitario, intesa come propensione alla prevenzione e all’anticipazione di eventi avversi e di possibili crisi.



UN SISTEMA COMPLETO ED EFFICACE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

Il Decalogo realizzato da Progea e Marsh  ha la finalità di orientare le aziende a dotarsi di un sistema di gestione del rischio clinico completo ed efficace: ogni punto rappresenta un’area da implementare o da strutturare, seguendo le indicazioni contenute che possono quindi rappresentare una potenziale guida a una valutazione della propria organizzazione.

Nel mese di novembre sarà presentato in dettaglio il progetto i punti che lo caratterizzano.

2020-09-17T14:33:15+02:0017 Settembre 2020|Qualità e rischio|

Scritto da: